Italiano   Deutsch  English 

Luca

Biografia
Opere
News
Artisti amici
Fotografie
Contattami

Le Opere

-------------------------------
« Malesco (VB) e dintorni »
-------------
« Il Basilisco di Malesco »
Le Foto del Basilisco
La Leggenda del Basilisco
Tra Mito e Realtà
Paura allo Specchio
Schizzi della Leggenda del Basilisco
Studio del Progetto

Galleria Fotografica del Progetto
L'Inaugurazione
« Il Basilisco d'Oro »

L'Idea
Galleria Fotografica
« Pietro De Zanna »

La Storia
Il Progetto
-------------------------------
La Cappella della Polizia
Fratel Ettore Boschini
Croce Pettorale
La Via Crucis
Il Laocoonte

Araldica
Fermalibri
Copia d'Autore
Vetrate Cappella Turro

Appuntamenti con l'Arte

Mostre ed Esposizioni
Approfondimenti
Luca in diretta (WebCam)
Newsletter
WebLog (Blog)

Forum

Il Forum di Luca
Post in rilievo

Informazioni

Contatti
Autore del Sito & Credits

Link

Progetto Sorriso Onlus
X inserire il tuo link
Elenco Link

 

Cerca nel sito

 

 

Ci sono 4 visitatori connessi

Info[at]LucaDiFrancesco.com

 

 

 

 

 

 

 

 


Basilisco: la paura allo specchio

Tratto dal n°4 di settembre 2003 di © MAG, magazine di costume e tempo libero,
scritto da Massimo Cerutti,
per gentile concessione della redazione di IDEARTI comunication factory
e del Sig. Gautier M.Zanchi
 

   

 

 

Citato in antichi testi ebraici, proliferato nel Medioevo, riesumato da Borges, ucciso da Harry Potter nel secondo libro della saga di Hogwarts, il basilisco incombe nel nostro inconscio da sempre. Ecco un breve profilo di questa creatura fantastica che ha attraversato i secoli, arrivando persino dalle nostre parti, precisamente in Valdossola. Ma cos'è il basilisco? In poche parole è l'essere favoloso del mondo dei serpenti, un rettile leggendario carico di significati simbolici: il male, il lato più ostile della natura, uno dei peccati capitali, la capacità di guardare dentro noi stessi senza essere travolti da quello che vediamo.

Scrive Plinio: è un drago che ha sulla testa una corona d'oro, grandi ali spinose, una coda di serpente, che termina con la testa di un gallo. Il suo fiato avvizzisce la frutta. Il suo sputo brucia e corrode. Il suo sguardo spacca le pietre.

Continua Plinio: il suo sibilo fa fuggire i serpenti: non striscia sinuosamente come gli altri rettili, ma avanza col corpo eretto a metà.

Per alcuni è lungo 150 metri, per altri pochi centimetri. La donnola è il rimedio contro questo mostro: la si butta nella tana del basilisco e lo uccide col suo odore, ma anch'essa muore.

Secondo altri il basilisco può essere sconfitto solo con uno specchio che riflette il suo sguardo carico di morte. E'raffigurato da un gallo dalla coda di drago o da un serpente con ali di gallo.

Tra i peccati capitali il basilisco simboleggia la lussuria. Per quanto riguarda la nascita del basilisco, l'ipotesi più accreditata è quella di un uovo deposto da un gallo e covato da una serpe o da un rospo. E allora se capitate dalle parti della Valdossola, nell'impossibilità di recuperare una donnola (che tra l'altro farebbe una brutta fine e quindi lasciatela stare) portatevi un bello specchio. Non si sa mai.
 

Copyright © 2003-2004 Luca Di Francesco. All Rights Reserved