ERROR: Log file does not exist

- Restauro di "Porta Venezia" a Milano

[ Home | Weblog | Newsletter | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ ]
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Scultura - Sculpture
 Generale - General Sculpture
 Restauro di "Porta Venezia" a Milano
 Nuova Discussione  Rispondi Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione  

Luca
Moderatore



14 Messaggi

Inserito il - 14 gennaio 2004 : 11:50:12  Mostra Profilo Invia a Luca un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Forse ci siamo, il lungo, anzi lunghissimo restauro di “Porta Venezia” a Milano sta giungendo al termine.

Contestatissimo per la durata dei tempi, associata alla speculazione pubblicitaria (tanto da esser ripreso dal Tg satirico “Striscia la notizia”) dei cartelloni che ricoprivano l’impalcatura proprio all’inizio della via per eccellenza dello shopping milanese...

Si legge in giro che i restauri sono durati 2 – 3 anni, ma le impalcature con le puntuali mega pubblicità suo comparsi molto prima e son rimasti molto dopo..?

Non voglio polemizzare, le pubblicità pare abbiano finanziato i lavori per oltre la metà dei costi. A molti possono essere sembrati tempi comunque eccessivamente lunghi, facendo sospettare speculazioni pubblicitarie, ma in effetti i lavori sono stati complessi:

1) E’ stata trovata una colonna al centro del salone per il ricevimento, nascosta nei muri circostanti
2) E’ stato trovato un pozzo che riforniva il personale del dazio, murato dalla costruzione della metropolitana
3) Al primo piano c'erano gli alloggi della truppa, avevano finestre sul porticato, in cui sono state trovate persiane a scorrimento nel muro ricostruite come erano.
4) I lavori della metropolitana sono stati fatti troppo vicino alla struttura che ne ha risentito
5) Sulle facciate fino all'altezza di 3 metri era stata utilizzata la pietra di Viggiù, un'arenaria grigia, ora completamente liberata da una brutta vernice che la ricopriva.
6) La parte superiore sarà riportata al suo colore originario: ocra rosato.
….comunque il dubbio resta.

Il Casello verso i Bastioni sarà utilizzato come museo e biblioteca del pane e per piccole riunioni, quello verso viale Majno per la scuola di panificazione, per alcuni uffici dell'Associazione Panettieri e per un presidio della Polizia, per l'ufficio notturno di collocamento.
Al secondo piano vi è un locale alto 6 metri in con un soppalco centrale di vetro. Il controsoffitto sarà in legno a vista e si potranno vedere da sotto le grandi lastre di granito della terrazza.

Con questo sistema degli sponsor che finanziano facilmente gran parte dei restauri a Milano, si potrebbe provvedere alla sistemazione di molte opere architettoniche di enorme valore artistico compresi i monumenti in bronzo spesso trascurati e abbandonati.

tweety
Nuovo Utente



1 Messaggi

Inserito il - 18 gennaio 2004 : 21:00:55  Mostra Profilo Invia a tweety un Messaggio Privato  Rispondi Quotando

complimenti per l'articolo, non ne sapevo proprio niente!

ps. una tirata di orecchie a chi permette quegli orrendi cartelloni formato plurifamiliare, son troppo anche per me che sono cieca come una talpa!!!!!
Torna all'inizio della Pagina
  Discussione  
 Nuova Discussione  Rispondi Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
© 2000-04 Torna all'inizio della Pagina
Questa pagina è stata generata in 0,09 secondi. Tradotto Da: Vincenzo Daniele & Luciano Boccellino- www.targatona.it | Distribuito Da: Massimo Farieri - www.superdeejay.net | Powered By: Platinum Full - Snitz Forums 2000 Version 3.4.03

Antidoto.org | Brutto.it | Estela.org | Equiweb.it